Benevento - sito web ufficiale della città - Dettaglio comunicato

Primo piano

 Decreto Legislativo n. 33 del 14/3/2013
Albo Pretorio on-line Autorità Garante dell′Infanzia e Adolescenza Regione Campania
 La tutela dei diritti dei minori
URP
 Servizi on line - Segnalazioni - URP
SUAP
 Sportello Unico Attività Produttive  Presenta la tua pratica on-line
Bandi Avvisi Graduatorie Ordinanze
 Database degli atti emanati dell’Ente ed eventuali FAQ (meramente di carattere consultivo, per gli atti ufficiali far riferimento alla sezione "Albo Pretorio on-line")
Raccolta differenziata
 - Porta a porta
 - Carta e cartoni
Bollino Verde IMU-TARES Piano Comunale Protezione Civile PUC RUEC API Sportello Autorizzazione Sismica Turni Farmacie Meteo Bacheca Sindacale

 


ATTIVITA' PRODUTTIVE

   Industria
Agricoltura
in aggiornamento
Commercio in aggiornamento
Artigianato in aggiornamento


Comunicato del 03/10/2018

Fondi del Piano Periferie, Mastella invita De Luca a ricorrere contro il Governo La decisione di impugnare la legge davanti alla Consulta è stato già adottato dalla Sicilia

Il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, ha inviato stamani una nota al presidente della Giunta Regionale della Campania, Vincenzo De Luca, per invitarlo ad impugnare davanti alla Corte costituzionale la legge con la quale il Governo nazionale ha congelato fino al 2020 le risorse destinate al Piano Periferie.


Una decisione, quella di impugnare la norma in questione davanti alla Consulta, che – come ha ricordato il sindaco Mastella nella nota inviata a De Luca – è stata già adottata dal presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, e preannunciata anche da altri presidenti di Regione.


“La scelta di congelare i fondi destinati al Piano Periferie in barba agli impegni assunti dal precedente Governo attraverso la stipula di apposite convenzioni – ha spiegato il sindaco Mastella - comporterà dei gravissimi danni per molti Comuni della Campania ed avrà l’effetto di impedire la riqualificazione di tante aree degradate della nostra regione. Di qui la necessità di opporsi con tutti gli strumenti giuridici a disposizione avverso una scelta che, di fatto, rappresenta una vera e propria confisca e che comporterà un notevole danno anche per i tantissimi cittadini che speravamo di migliorare la qualità della loro vita”.


 


Altri comunicati

Torna alla Home Page

 

^ Top page