Benevento - sito web ufficiale della città - Dettaglio comunicato

Primo piano

 Decreto Legislativo n. 33 del 14/3/2013
Albo Pretorio on-line Autorità Garante dell′Infanzia e Adolescenza Regione Campania
 La tutela dei diritti dei minori
URP
 Servizi on line - Segnalazioni - URP
SUAP
 Sportello Unico Attività Produttive  Presenta la tua pratica on-line
Bandi Avvisi Graduatorie Ordinanze
 Database degli atti emanati dell’Ente ed eventuali FAQ (meramente di carattere consultivo, per gli atti ufficiali far riferimento alla sezione "Albo Pretorio on-line")
Raccolta differenziata
 - Porta a porta
 - Carta e cartoni
Bollino Verde
Ispezione prorogata al 31/12/2013

IMU-TARES Piano Comunale Protezione Civile PUC RUEC API Sportello Autorizzazione Sismica Turni Farmacie Meteo Bacheca Sindacale

 


ATTIVITA' PRODUTTIVE

   Industria
Agricoltura
in aggiornamento
Commercio in aggiornamento
Artigianato in aggiornamento


Comunicato del 01/09/2017

Mastella ha ricevuto stamani il sindaco di Betlemme, Anton Salman Sottoscritto un impegno per la pace, il dialogo e la cura del creato

Il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, ha ricevuto stamani a Palazzo Mosti il collega di Betlemme, Anton Salman.


Nel dargli il benvenuto a nome della città, il sindaco Mastella ha ricordato la sua visita a Betlemme, quand’era ministro della Giustizia, e la contrarietà espressa già all’epoca nei confronti del Muro di separazione eretto a Gerusalemme.


“Sono felice – ha dichiarato il primo cittadino del capoluogo sannita - di ospitare il collega di Betlemme a Benevento e colgo l’occasione per rinnovare l’auspicio che si possa raggiungere presto una coesistenza pacifica e solidale fra i membri di etnie, di culture e di religioni diverse”.


Il sindaco di Betlemme, Anton Salman, che era accompagnato dal frate minore della Custodia di Terra Santa, Ibrahim Faltas, e dal ministro provinciale
dei Frati Minori del Sannio e dell’Irpinia , Antonio Tremigliozzi, si è detto particolarmente lieto di incontrare Mastella, che ha sempre mostrato grande sensibilità nei confronti dei diritti del popolo palestinese.


“Il documento che firmiamo oggi – ha dichiarato Salman – è molto importante perché ci impegniamo a promuovere la cultura del dialogo, affinché si sviluppino la comprensione e la fiducia reciproche fra gli individui e fra i popoli, poiché tali sono le condizioni di una pace autentica”.


Dopo la firma del documento “Impegno per la pace, il dialogo e la cura del creato”, i sindaci Mastella e Salman hanno anche deciso di procedere ad un gemellaggio tra le città di Benevento e Betlemme.


--------------------------------------------


Di seguito il testo completo del documento.


 


1. Ci impegniamo a proclamare la nostra ferma convinzione che la violenza e il terrorismo si oppongono al vero spirito religioso e, condannando qualsiasi ricorso alla violenza e alla guerra in nome di Dio o della religione, ci impegniamo a fare tutto il possibile per sradicare le cause del terrorismo.


2. Ci impegniamo a educare le persone al rispetto e alla stima reciproci, affinché si possa giungere ad una coesistenza pacifica e solidale fra i membri di etnie, di culture e di religioni diverse.


3. Ci impegniamo a promuovere la cultura del dialogo, affinché si sviluppino la comprensione e la fiducia reciproche fra gli individui e fra i popoli, poiché tali sono le condizioni di una pace autentica.


4. Ci impegniamo a difendere il diritto di ogni persona umana a condurre un’esistenza degna, conforme alla sua identità culturale, e a fondare liberamente una propria famiglia.


5. Ci impegniamo a vivere con responsabilità l’attenzione alla salvaguardia del creato, con percorsi di riflessione, da tradurre in azioni concrete per la tutela dell’ambiente e per la promozione di un benessere sostenibile per tutti.


6. Ci impegniamo a dialogare con sincerità e pazienza, riconoscendo nel confronto con la diversità degli altri, l’occasione di maggiore comprensione reciproca.


7. Ci impegniamo a sostenerci reciprocamente nello sforzo comune per vincere legoismo e labuso, lodio e la violenza, e per imparare dal passato che la pace senza la giustizia non è pace vera.


8. Ci impegniamo a stare accanto a quanti soffrono per la miseria e labbandono, facendoci voce di quanti non hanno voce e operando concretamente per superare simili situazioni, convinti che nessuno possa essere felice da solo.


9. Ci impegniamo a fare nostro il grido di quanti non si rassegnano alla violenza e al male, e desideriamo contribuire con tutte le nostre forze a dare allumanità del nostro tempo una reale speranza di giustizia e di pace.


10. Ci impegniamo a incoraggiare qualsiasi iniziativa che promuova lamicizia fra i popoli, convinti che, se manca un’intesa solida fra i popoli, il progresso tecnologico espone il mondo a crescenti rischi di distruzione e di morte.


 


Anteprima immagine

Tutti i comunicati

 

^ Top page