Benevento - sito web ufficiale della città - Dettaglio comunicato

Primo piano

 Decreto Legislativo n. 33 del 14/3/2013
Albo Pretorio on-line Autorità Garante dell′Infanzia e Adolescenza Regione Campania
 La tutela dei diritti dei minori
URP
 Servizi on line - Segnalazioni - URP
SUAP
 Sportello Unico AttivitàProduttive  Presenta la tua pratica on-line
Bandi Avvisi Graduatorie Ordinanze
 Database degli atti emanati dell’Ente ed eventuali FAQ (meramente di carattere consultivo, per gli atti ufficiali far riferimento alla sezione "Albo Pretorio on-line")
Raccolta differenziata
 - Porta a porta
 - Carta e cartoni
Bollino Verde
Ispezione prorogata al 31/12/2013

IMU-TARES Piano Comunale Protezione Civile PUC RUEC API Sportello Autorizzazione Sismica Turni Farmacie Meteo

 


ATTIVITA' PRODUTTIVE

   Industria
Agricoltura
Commercio
Artigianato


Comunicato del 11/07/2017

Questione rifiuti, la dichiarazione dell’assessore Vincenzo Russi “I debiti accumulati precedentemente al nostro insediamento rientrano nel dissesto”

In riferimento a quanto affermato dal presidente della Provincia nelle scorse ore, l’assessore all’Ambiente, Vincenzo Russi, ha rilasciato oggi pomeriggio la seguente dichiarazione.


“È vero che il Comune di Benevento deve alla Provincia qualche milione di euro ma è altrettanto vero che tale debito è frutto del mancato versamento di una parte della quota Tari riscossa dal 2009 al 2013, periodo nel quale non governava lamministrazione Mastella, insediatasi solo a giugno del 2016, bensì governava il precedente sindaco Fausto Pepe, come sostenuto anche dal presidente della Provincia. Lamministrazione Mastella, poco dopo il suo insediamento, ha purtroppo solo dovuto prendere atto, suo malgrado, di quanto certificato dal dirigente del Settore Finanze, e poi confermato dal Collegio dei revisori dei conti, e cioè dell’impossibilità di poter sostenere un piano di riequilibrio  finanziario, data la vasta massa debitoria esistente, e conseguentemente dichiarare il dissesto. Anche il suddetto debito è quindi finito nella massa debitoria del dissesto.


Per quanto attiene, invece, il discorso della Samte, si ricorda che per gli anni 2014, 2015 e 2016 la tariffa richiesta è stata impugnata sempre dalla precedente amministrazione guidata da Fausto Pepe e che, qualora il Comune dovesse soccombere in giudizio, anche le somme dovute per quegli anni finirebbero nel dissesto.


Per l’anno 2017, invece, il discorso è del tutto diverso. Va infatti ricordato che abbiamo postato in bilancio la somma richiesta dalla Provincia con limpegno di valutare il tutto allesito del ricorso presentato dalla nostra amministrazione, all’approvazione del bilancio da parte del Ministero e al passaggio delle competenze allAto Rifiuti, costituitosi nel corso del 2017.


A tal proposito va ricordato che lAto Rifiuti è composto da 12 consiglieri, 6 dei quali appartenenti allo schieramento di centrosinistra e gli altri 6 appartenenti allo schieramento opposto. A causa di tale sostanziale pareggio la scelta del presidente è avvenuta solo per età, e non per maggioranza numerica. Va inoltre ricordato che i 6 componenti della lista Sannio Pulito, che com’è noto fa riferimento al sindaco Mastella, sin dalla loro elezione si sono dichiarati disponibili a condividere i problemi della gestione dei rifiuti nel Sannio a patto che fossero condivisi anche i programmi e le scelte strategiche.


Nonostante tale disponibilità, però, sono ancora in attesa di fatti concreti, e non di semplici dichiarazioni di facciata. Eppure, la delicatezza e limportanza della materia avrebbe dovuto imporre un maggiore senso di responsabilità, anche perché il costo dello smaltimento ricade sui cittadini dellintera provincia e perché dalla corretta e sana gestione del ciclo dei rifiuti dipende il destino di tanti lavoratori”.


Tutti i comunicati

 

^ Top page