Benevento - sito web ufficiale della città - IMU

Primo piano

AVVISO AI CANDIDATI ALLE ELEZIONI COMUNALI 2016

Si ricorda che l’articolo 15 della legge n. 515 del 10 dicembre 1993 prevede una sanzione pecuniaria che va da 25.822,00 a 103.291,00 euro per coloro che, candidati alla carica di sindaco o consigliere comunale, non adempiano all’obbligo di depositare, presso il Collegio Regionale di Garanzia Elettorale (ubicato presso la Corte di Appello di Napoli), la dichiarazione riguardante le spese elettorali sostenute. Si precisa che l’obbligo di presentare la dichiarazione riguarda anche i candidati che non abbiano sostenuto spese.

Comunicati ed avvisi

I tributi consistono in un versamento in denaro, dovuto per legge, che la Pubblica Amministrazione richiede ai contribuenti per finanziare attività e servizi pubblici.
L’importo dei tributi di norma è determinato per legge, ma lo Stato può anche individuare aliquote massime e minime (ad es. IMU) o semplicemente delle linee guida, lasciando poi agli enti
locali, attraverso i propri regolamenti, le scelte specifiche.



AVVISO IMU E TASI ANNO 2014


 

  • ATTENZIONE: Nota illustrativa redatta, vista la complessità della materia, per facilitare la comprensione del nuovo tributo TARES e della successiva IUC applicati nel Comune di Benevento. Ulteriori quesiti o richieste di informazione specifica potranno essere rivolti all’Ufficio Tributi. (leggi qui)
  • ATTENZIONE: L’Ufficio Tributi ha elaborato tutte le autodichiarazioni TARES 2013. Si pregano gli interessati di recarsi presso i nostri uffici per ritirare le rideterminazioni del proprio, rispettivo conguaglio TARES 2013.
  • ATTENZIONE: Le quietanze del pagamento degli F24 riferite alla “TARES” ed alla “mimi IMU” NON devono essere inoltrate all'Ufficio Tributi poiché esse sono acquisite automaticamente dall’Agenzia dell’Entrate.
  • ATTENZIONE: i tributi ICI, IMU e TARES sono compensabili con eventuali crediti del contribuente secondo quanto stabilito dall'art. 17 del D.lgs N. 241/97.
  • ATTENZIONE: C'è tempo fino al 24 gennaio per pagare la terza rata Tares, inizialmente in programma lo scorso dicembre. Per il pagamento della Tares, e la maggiorazione allo Stato si usa l'F24 che i contribuenti hanno ricevuto a casa insieme all'avviso di pagamento. Chi non avesse ricevuto nulla e volesse pagare da sè deve moltiplicare i metri quadri degli immobili assoggettati alla tassa (casa, garage..) per 30 centesimi e l'importo ottenuto è ciò che bisogna versare tramite codice tributo 3955 con F24 ordinario o semplificato, compilando la sezione 'EL', rateazione '0101', anno di riferimento '2013' nei modelli pre-compilati è barrata la casella 'saldo' ma questa scelta non è prevista per gli F24 online, per cui o si stampa e si va alla posta o non si barra. Per esempio, per una casa di 80 mq con garage da 14 mq, l'importo da pagare a titolo di maggiorazione Tares è di euro 28,2. Chi non ha ricevuto a casa l'avviso di pagamento può ritirarlo presso l'Ufficio tributi senza effettuare file oppure può pagare usando il modello di conto corrente postale approvato dal DM 14 maggio 2013: il N. di conto è 1011136627, bollettino intestato a PAGAMENTO TARES, indicando: Codice catastale del Comune (es: A783 Benevento, Codice identificativo dell'operazione (3944), Dati anagrafici e importo del pagamento (rifarsi alle delibere dei Comuni), che ti gli uffici postali essere disponibile presso tu. L'F24 può essere pagato presso sportelli bancari o con servizio di Home Banking via Internet. Per i correntisti del gruppo Intesa Sanpaolo (titolari di contratto Banca Diretta attraverso le specifiche funzionalità), e presso i tabaccai aderenti al circuito Banca ITB e Sportelli ATM del Gruppo Intesa Sanpaolo. Il versamento può essere effettuato in contanti, presso la banca con assegni bancari, ircolari o con addebito in conto corrente, presso gli sportelli bancari dotati di terminali elettronici idonei, tramite carta Pagobancomat, presso gli ufficio postali con assegni postali, carta Postamat o carte Postpay, bancomat.


^ Top page